Che Bon! Che Bon!
L'angolo sul web di Luisella

dolci e frutta

Dolce con le passacrassana

DSCN1443La buona pera passacrassana, ha davvero i colori dell’autunno, è una varietà di pera invernale ma: – ” ha i granini nella polpa”- (dicono i bambini masticandole); meglio dire che si sente nella polpa qualche “isola pietrosa”, per questo preferisco preparare con queste pere un buon dolce.

.Ingred.: per la pasta di base = 200 g di farina, 100 g di burro, 50 g di zucchero, 2 tuorli d’uovo, 1 cucchiaio di aceto di vino rosso. Preparare la pasta di base lavorando gli ingredienti velocemente formando un impasto a palla, avvolgerlo in pellicola e farlo riposare in frigorifero per 30 minuti. Stendere la pasta su di uno stampo ricoperto di carta forno, mantenendo un bordo, cuocere a 170 gradi per 15 minuti circa.

Per il contenuto: 800 g di pere, 4 cucchiai di vino rosso, 100 g di panna, 3  uova, 30 g di zucchero, 3 formaggini a pasta morbida.  Sbucciare, tagliare le pere in quarti, irrorarle con il vino, cuocerle in microonde per 1 minuto, lasciar raffreddare, tagliarle a fettine e sistemarle sul fondo già preparato. Stemperare i formaggini teneri con 4 cucchiai del vino di cottura delle pere e mescolare con zucchero, uova, panna da cucina, versare tutto sulle pere nello stampo. Preriscaldare il forno per 10′ a 180° e cuocere il dolce per circa 25 minuti.

DSCN1446

Tagged , , , ,

One Comment

  1. Carloott 14, 2014 at 13:39

    Non sapevo che questa pera fosse originaria dalla Francia!

    Da Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Passa_Crassana):

    “La Passa Crassana, Passa-Crassana, Passacrassana o Crassana (in francese Passe-Crassane) è una cultivar ottocentesca di pera, originaria della Francia.

    Il nome potrebbe derivare dal comune di Crazannes, nella regione francese del Poitou-Charentes.

    La varietà è stata selezionata per la prima volta dall’arboricoltore Louis Boisbunel a Rouen, in Francia, il quale la presentò ufficialmente nel 1855 alla Société centrale d’horticulture de la Seine-Inférieure.[2]

    L’uso del termine Crassana è confermato in Italia nel 1986, mentre il corrispettivo scritto francese crassane è presente già alla fine del XVII secolo, forse a indicare uno scavalcamento di confine tardivo.[1]

    La pera di Passa Crassana ebbe una buona diffusione in Francia ma venne con il tempo abbandonata per qualità più facilmente commercializzabili.”

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *