Davvero, le suocere (ed i suoceri) non ci sono più!

DSCN0870Proprio la Mamma, questa figura resa teatralmente monolitica, alla quale è stata attribuita ogni responsabilità sulle mancanze caratteriali dei figli, si è finalmente liberata in questi ultimi anni dall’immagine di mamma onnipresente e di conseguenza anche di quella soprattutto di suocera, definita sul mio dizionario, al secondo significato (spregiativo o scherzoso) come persona litigiosa, autoritaria: non fare la suocera.

Ora non è più così, la distanza tra la suocera e le nuove nuore o generi è abissale, i giovani hanno sperimentato la convivenza con la persona amata, coabitando in un medesimo luogo anche in paesi lontani da casa, non ricevendo più alcuna intromissione da parte della famiglia d’origine e da entrambi i genitori.

Diviene evidente che piano, lentamente, il passare degli anni, studiare all’estero, uscire da casa adolescente, via all’estero per lavorare e poi la convivenza con ragazze/i cui non si conosce nulla o pochissimo, rende difficile creare rapporti umani soddisfacenti. Fra genitori e figli c’è quindi un nuovo rapporto familiare che supera il puro e semplice amore filiale e cerca di amalgamare persone ormai diverse; rimane l’animo, per i genitori, di infondere coraggio, energia ai propri figli/e, sempre nella speranza che essi siano maturi per adeguarsi ai rapporti su basi diverse.

E’ comunque ormai il caso di dare nuove accezioni alle parole: suocero e suocera, figure che stanno affrontando in maniera diversa le nuove dinamiche familiari. Nel frattempo, prendiamone atto “le suocere non ci sono più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.