Paté del buon inizio

Iniziamo l’anno con un sapore delicato come un paté di fegato e uno più rustico come cotechino e lenticchie.

Per il paté di fegato non ci sono difficoltà: la mia preparazione è fatta per un paté semplice da spalmare su tartine di pane tostato, quasi un antipasto. E’ necessario prima mettere a marinare, in una piccola terrina, 100 g di fegato di maiale tagliato a fettine sottili, qualche anello di cipolla bianca, due pizzichi di sale fino, mezzo bicchiere di vino bianco, 1 foglia d’alloro, un cucchiaio d’olio d’oliva. Dopo qualche ora far rosolare il fegato a fuoco vivo versandolo, insieme alla marinata, dentro un largo tegame caldo con un filo d’olio, coprendo e rigirando per qualche minuto fino a cottura ultimata. Gli altri ingredienti da aggiungere dopo aver levato tutto dal tegame sono: 100 g prosciutto cotto anche del tipo da toast, 100 g ricotta fresca vaccina, 20 g di burro fresco, una cucchiaiata di capperi sgocciolati.

Passare al mixer prima il fegato di maiale levato cotto dal tegame, tolto l’alloro, aggiungiamo la ricotta a cucchiaiate, poi il prosciutto, il burro ed infine i capperi, tutto dovrà essere ben amalgamato, nel caso il paté risultasse troppo denso aggiungere un cucchiaio di marsala fine.

Tostare alcune fette di pane in cassetta, tagliarle in quattro e disporle intorno al paté posto su un bel contenitore.

Riceveremo i complimenti per questa preparazione davvero economica e di gran gusto.

La parte rustica invece sarà facilissima in quanto con un buon cotechino ed il contorno di lenticchie lessate con tutte le aromatiche ossia: il famoso sacchettino della nonna con dentro aghi di rosmarino, uno spicchio d’aglio, 2 grani di pepe, 2 foglie di salvia, un pizzico d’origano, un chiodo di garofano, un pezzetto di cannella) non si sbaglia mai!

Auguri per l’Anno Nuovo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.